Insieme a Non Solo Buono ho costruito negli scorsi mesi un bel team di undici donne, mamme, blogger, viaggiatrici, foodies, amiche che si sono raccontate in maniera emotiva e naturale. Hanno scritto del loro cambiamento personale e lavorativo e lo hanno fatto in chiave di crescita ed evoluzione, la stessa che le ha portate ad essere oggi grandi donne ma anche importanti e influenti blogger nella vita digitale. Per questo le ho scelte e introdotte in questo progetto digitale che (come piace a me) è diventato anche “reale” con una tappa offline. Infatti oltre ai contenuti web quasi tutto il team di blogger ha partecipato insieme a tre instagramer locals ad un food our tra Modena e Bologna alla scoperta delle evoluzioni emiliane.

Qui trovate le undici storie di evoluzione delle blogger.

Ora con le mie foto vi racconto invece il tour bellissimo tra cibo e tradizioni emiliane, fatto tra Castelfranco Emilia, Modena e Bologna a Novembre 2015.

 

Un passaggio a Bologna prima di partire…

IMG_3321 IMG_3329 IMG_3343

Sapete dove è nato il tortellino? Io pensavo a Bologna, e invece no!!! E’ nato a Castelfranco Emilia.

IMG_3371 IMG_3376

 

Così da qui parte il nostro tour, sosta qui e poi diretti a scuola! Impariamo a  fare la pasta a mano con Le Sfogline. Anche io ho fatto la pasta a mano e poi ho tentato a fatica di chiudere dei tortellini!!! Troppo difficile per me 😉 Ma ho imparato che la buona pasta in casa è quella di colore giallo intenso che gli viene dato da uova buone.

IMG_3389
mani in pasta anche per me!
IMG_3384
la nostra maestra, maga della sfoglia
IMG_3382
Titti, Giorgia e Mary all’opera
IMG_3381
Carlo, Diana e Valeria ready to go!

IMG_3420

 

 

 

IMG_3442
La prova che sto facendo la pasta!

 

IMG_3454
Titti la modenese doc con le mani in pasta

IMG_3487

IMG_3494

 

IMG_3499
altro modenese doc che ci prepara la tagliatella

IMG_3503

Dopo la scuola di cucina a Modena, passiamo a scoprire e conoscere un’altra bella tradizione modenese: le tipiche botteghe storiche. Ce ne sono tante in centro, noi ne visitiamo alcune… fabbri, negozi storici di abiti, costruttori di maschere d’epoca, artigiani e punti ristoro che ci accolgono con vino lambrusco e tipicità locali che apprezziamo molto.

IMG_3508 IMG_3509 IMG_3514 IMG_3518 IMG_3521 IMG_3522 IMG_3530

Anche il nostro hotel è in un palazzo storico, l‘Hotel Cervetta 5 , molto carino e in pieno centro. (stra-consiglio!!!!)

IMG_3540
Interno della mia camera a Cervetta5

 

Poi la cena, la tanto attesa cena alla brasserie Franceschetta 58 di Bottura e Marta Lupini. Qui ho amato tutto: il posto, le persone, il cibo, l’arredo, l’atmosfera che si respira. BELLO BELLO. Anche questo consigliatissimo.

IMG_3542

IMG_3543 IMG_3546 IMG_3547 IMG_3548

IMG_3561
Festa a sorpresa per Roby! Auguri!
IMG_3554
Il primo
IMG_3556
il dolce

In quei due giorni era molto freddo a Modena ma c’erano un sole e una limpidezza strepitosi (perfetti per le foto coi colori dei palazzi modenesi). Il giorno dopo visitiamo il cuore pulsante del centro della città, il Mercato storico Albinelli. Modena è la città delle bici (come altre city emiliane) e tra una bancarella e l’altra giriamo in cerca della colazione tipica con baccalà fritto 🙂 poi torniamo a scuola per capire come cucinare i freschi Non solo Buono con la nutrizionista Fini.

Io saluto Modena  con gli ultimi scatti in centro al sole.

IMG_3569
L’uscita da La Cervetta 5

 

IMG_3575
L’ingresso del mercato storico
IMG_3582
Robysushi e i fiori al mercato

IMG_3584

 

IMG_3586
Vale e la verdura del mercato storico 🙂
IMG_3607
Anche io faccio spesa…
IMG_3617
I colori caldi dei palazzi del centro modenese

IMG_3618

 

Ultimo passaggio in cucina con lo chef!

IMG_3631 IMG_3639

 

Share the love!