Grazie a Cinzano (famiglia Campari) inizio la mia permanenza nelle Langhe che mi porterà a bere e mangiare tantissimo perchè, si sa, qui si mangia bene e si beve meglio. Insieme alla mia amica food blogger Valentina @tintacorda partiamo da Milano per “la langa”. Tra degustazioni, pranzi, giri in vigna, vendemmia e momenti di assoluto relax per gli occhi e il corpo, scopriamo come nasce e come si produce l’Asti Cinzano con visita finale anche al famoso stabilimento produttivo Campari di Novi Ligure.

schermata-2016-09-15-alle-13-23-31

Con  le mie foto provo a raccontarvi quello che ho provato in questa due giorni.

Il costante contatto con la natura e il lavoro in vigna, con persone di cuore come chi la vigna la coltiva e ama questo lavoro, mi hanno ricordato quanto sia bello tutto questo e quanto spessissimo mi dimentico del grande lavoro e della grande passione che c’è sempre dietro una bottiglia di vino.

La nostra base è un relais immerso nel verde, ci rilassiamo un po’ prima di partire per la vendemmia.

dsc08407

 

dsc08412

 

 

Con gli api calessino partiamo verso la vigna… e lo spettacolo verde delle langhe mi sorprende sempre..

dsc08435

 

dsc08436

 

dsc08446

 

dsc08472

 

dsc08479

 

dsc08491

 

dsc08501

 

e poi la vendemmia delle uve moscato iniziata proprio in questi giorni…
dsc08586

dsc08589 dsc08573

 

E la cena al tramonto coi coltivatori Cinzano, un bel momento per conoscere meglio i locals e le loro tradizioni soprattutto culinarie tra carne cruda, formaggi e buon vino.

dsc08632

 

Infine la visita a Novi Ligure in stabilimento produttivo dove si producono 140 milioni di bottiglie ogni anno tra i vari prodotti Campari. Uno spettacolo vedere tutti quei camparini che scorrono sotto di noi 😉

dsc08675

 

dsc08682

 

Trovate tutti gli scatti miei, di Paolo e di Valentina al tag #CinzanoExperience e qui un album dedicato di miei scatti.

Share the love!